Interventistica spinale e vascolare, la Neuroradiologia si fa strada

Tecniche all’avanguardia per la nuova struttura, che traccia un bilancio positivo a due anni dalla sua attivazione. Diagnostica a Mantova, Pieve di Coriano e Asola

L’attività di Neuroradiologia cresce e si consolida, con tecniche all’avanguardia e di assoluta eccellenza. A due anni dall’attivazione della nuova struttura, diretta da Enrico Piovan, si traccia un bilancio positivo.

In ambito neuroradiologico una delle branche di maggiore interesse, per l’elevata frequenza della patologia, è l’interventistica spinale, ovvero in primo luogo le metodiche di consolidamento vertebrale (vertebroplastica e cifoplastica) che permettono di trattare i crolli vertebrali osteoporotici, neoplastici e alcuni tipi di fratture post-traumatiche, consentendo una rapida remissione della sintomatologia dolorosa e un veloce ritorno alle normali abitudini di vita.

Con le procedure di biopsia è invece possibile effettuare diagnosi certe di lesioni che, per sede di sviluppo, possono essere gravemente invalidanti per il paziente: una diagnosi sicura permette infatti un trattamento estremamente più mirato ed efficace. Sempre nell’ambito del trattamento del dolore lombare vanno ricordate le metodiche di nucleoplastica rivolte al trattamento di alcune forme di patologia degenerativa discale.

La Neuroradiologia si dedica inoltre all’interventistica vascolare. Si segnala, in particolare, il trattamento dell’ictus acuto con metodiche di ricanalizzazione endovascolare dei vasi cerebrali occlusi. Soprattutto per le tecniche di rivascolarizzazione il fattore tempo è estremamente importante, per cui rendere sempre più efficiente tale servizio rappresenta una delle priorità assolute del prossimo futuro.

Alcuni numeri riferiti al 2019: 88 procedure di riconsolidamento in crolli o fratture vertebrali, 54 biopsie per diagnosi di natura in patologie vertebrali, 1 trattamento di embolizzazione endovascolare pre-chirurgica per patologia neoplastica del rinofaringe, 1 trattamento di embolizzazione endovascolare per una fistola durale, 14 trattamenti di rivascolarizzazione cerebrale in corso di ictus trombo-embolico, 21 nucleoplastiche discali per patologia degenerativa, 6 trattamenti di embolizzazione endovascolare per aneurismi cerebrali. Per quest’ultimo tipo di procedura, si segnala l’utilizzo di un device assolutamente nuovo: il secondo caso in Italia e il settimo al mondo.

Il reparto – spiega il direttore della struttura Enrico Piovan – copre le necessità diagnostiche degli ospedali di Mantova, Pieve di Coriano e Asola, con una presenza attiva dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20. Dal mese di ottobre scorso, per venire incontro alla crescente domanda, siamo inoltre riusciti a organizzare una lista di esami di Risonanza Magnetica anche il sabato pomeriggio”.

 

Nella fotografia da sinistra Enrico Piovan, Lisa Nicolì, Carlo Sozzi e Mirko Trentadue