Appropriatezza di ricovero: studio sul Pronto Soccorso a un congresso internazionale

Obiettivo: miglioramento elle cure. Analizzati i casi di oltre 1300 pazienti per incrementare qualità e sicurezza

di Massimo Amato
Direttore Pronto Soccorso Asola ASST Mantova

 

 

Uno studio retrospettivo sul ricovero inappropriato dei pazienti provenienti del Pronto Soccorso per migliorare la qualità e la sicurezza dell’assistenza, ottimizzando l’impiego delle risorse e l’efficienza di ASST. La ricerca sarà presentata nell’ambito di un convegno internazionale – International Conference for EBHC Teachers and Developers, che si terrà a Taormina dal 6 al 9 novembre – dal direttore del Pronto Soccorso di Asola Massimo Amato, tra i pochi relatori italiani a intervenire al prestigioso evento.

L’obiettivo è stato quello di quantificare i ricoveri inappropriati, secondo criteri scientifici legati alle condizioni cliniche e ai bisogni assistenziali dei pazienti presi in carico dal Pronto Soccorso di Mantova. Lo studio ha preso in esame i casi di 1.377 pazienti, in un periodo compreso fra gennaio 2016 e febbraio 2017. Ha coinvolto oltre a Massimo Amato, il direttore medico del presidio di Mantova Consuelo Basili, la bed manager Morena Bolognini, il biostatistico Guseppe Lucchini e il responsabile di AAT 118 Mantova Pier Paolo Parogni, coadiuvati dal medical writer Johanna Chester.

I pazienti sono stati suddivisi per età anagrafica in quattro gruppi – dai maggiori di 14 anni fino agli ultra 80enni – prendendo in considerazione la causa e la durata del ricovero, oltre che le modalità di dimissione e altri elementi chiave. I professionisti sono giunti a delineare l’ipotesi di un approccio specifico per i malati più anziani e pluripatologici, che tenga conto della condizione di fragilità e complessità di questi ultimi. Sulla base dei risultati osservati, è stato progettato uno studio sperimentale che in questi mesi sta vedendo partecipi medici e infermieri del Pronto Soccorso di Asola nell’applicazione pratica dei principi di una migliore appropriatezza di ricovero del paziente cronico.

Qualche dato emerso dalla ricerca. Il 37,9 per cento dei ricoveri è risultato inappropriato secondo un modello di multidimensionale di rischio clinico e assistenziale adottabile già in valutazione primaria in Pronto Soccorso.  Più della metà di questi ricoveri si riferiscono a pazienti giunti in Pronto Soccorso tramite ambulanza. L’83 per cento di queste persone ha più di 65 anni, indicando che il problema della patologia cronica è un nodo fondamentale al miglioramento dei setting di ricovero.

I dati di inappropriatezza così osservati dimostrano l’esigenza organizzativa di collocare già dal Pronto Soccorso i pazienti all’interno di un corretto setting di cura (ospedale per acuti, cure sub-acute, assistenza domiciliare).  Il modello di intensità di cura è inoltre uno strumento versatile di monitoraggio dell’andamento  del paziente anche tra professionisti diversi che operano in ambienti diversi (ospedale, territori, residenzialità).

 

Nella fotografia l’ingresso del Pronto Soccorso di Asola

Nessun commento

I commenti sono chiusi

Archivi
Categorie
Iscriviti alla newsletter